Notizie e comunicati

Venerdì 30 marzo, Jérémie Rhorer sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio.

marzo 19, 2018

Con la celebre Sinfonia n. 5 di Mahler, Jérémie Rhorer fa il suo debutto sul podio del Teatro Regio. 

Prosegue il Progetto Mahler della Stagione I Concerti del Teatro Regio. Venerdì 30 marzo ore 20.30, sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio fa il suo debutto il direttore francese Jérémie Rhorer, proponendo la partitura più popolare di tutta la produzione di Gustav Mahler: la Sinfonia n. 5, celebre per la presenza del famoso Adagietto, usato da Luchino Visconti nel film Morte a Venezia. A differenza di quanto precedentemente annunciato, il direttore d’orchestra Nicola Luisotti ha dovuto cancellare il suo impegno con il Teatro Regio, fissato da tempo, a causa di un intervento proprio nel periodo del suo previsto concerto al Regio.

Rhorer, direttore, organista e compositore – classe 1973 – ha diretto alcune tra le più importanti orchestre europee tra le quali: Orchestre National de France, Leipzig Gewandhaus, Philharmonia Orchestra, Frankfurt Radio Symphony Orchestra, Rotterdam Philharmonic. È stato invitato a dirigere in importanti festival quali: Aix-en-Provence, Salisburgo, Glyndebourne, BBC Proms nonché in importanti teatri d’opera da Vienna a Monaco passando per Madrid.

La Sinfonia n. 5 di Mahler venne completata nel 1902, eppure il suo autore continuò un finissimo lavoro di cesellatura sulla partitura che durò tutta la vita. Il lavoro fa parte, assieme alla Prima, alla Sesta, alla Settima e alla Nona (ascoltata all’inaugurazione della Stagione e diretta da Gianandrea Noseda), di quel gruppo di sinfonie che non contempla l’impiego di voci. Il puro discorso musicale si articola in cinque movimenti: i primi due formano un unico blocco narrativo, tenebroso e profondo, centrato sul tema della morte. Il terzo movimento, Scherzo, il più lungo nel suo genere che Mahler abbia scritto, celebra la vita, si colora di un carattere popolare, estremamente ricco nella proposta di temi e timbri spesso affidati alla sezione dei corni. Il quarto movimento, Adagietto, è sicuramente il più conosciuto di tutto il lascito mahleriano. La pagina, delicata e malinconica, intrisa di speranza raggiunta attraverso un doloroso percorso di accettazione, è assurta a emblema stesso del Decadentismo. Chiude la sinfonia un roboante Rondò nel quale un fitto contrappunto sostiene ampie melodie, luminose e distese, che concludono in modo trionfale la Sinfonia.

I biglietti per il concerto sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Regio (da martedì a venerdì ore 10.30-18, sabato 10.30-16 e un’ora prima del concerto – Tel. 011.8815.241/242). Primo settore € 29, secondo settore € 25, terzo settore € 22. Ridotti: € 25, € 23, € 20 (riservati agli over 65 e agli abbonati alla Stagione d’Opera e di Balletto 2017-2018); un’ora prima del concerto, eventuali posti disponibili saranno messi in vendita al prezzo di € 15. Per gli under 18 è possibile acquistare i biglietti, in ogni settore, a € 10, un vero e proprio invito al concerto per avvicinare i più giovani al grande patrimonio concertistico.

Biglietti in vendita anche on line su http://www.vivaticket.it, presso Infopiemonte-Torinocultura, punti vendita Vivaticket o call center: tel. 892.234, e telefonicamente al n. 011.8815.270 (da lunedì a venerdì ore 9-12).

Ulteriori informazioni su  http://www.teatroregio.torino.it

 

Articoli correlati

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Leggi articolo precedente:
MICHAEL BARENBOIM, HENRIK NÁNÁSI, SERGEJ KRYLOV IN APRILE AL TEATRO SAN CARLO.

Gli appuntamenti di aprile al Teatro San Carlo, tra opere e stagione concertistica. Sabato 7 aprile 2018, ore 18.00 –...

Chiudi