Recensioni

Guillaume Tell di Rossini, con la direzione di Gabriele Ferro e la regia di Damiano Michieletto: un grande successo pubblico.

gennaio 24, 2018
Guillaume Tel ph © rosellina garbo 2018

La stagione 2018 del Teatro Massimo di Palermo si apre con un successo entusiastico per il cast guidato da Roberto Frontali.

Grande successo per l’inaugurazione della stagione 2018 del Teatro Massimo con Guillaume Tell di Gioachino Rossini, assente da oltre cinquant’anni dalle scene palermitane, e per la prima volta nella versione originale in lingua francese.

Regia di Damiano Michieletto, con scene di Paolo Fantin, costumi di Carla Teti e luci di Alessandro Carletti,  Direttore Gabriele Ferro, nel cast Roberto Frontali (Guillaume Tell), Dmitry Korchak (Arnold Melcthal) e Nino Machaidze (Mathilde), che hanno debuttato nei rispettivi ruoli; Insieme a loro Marco Spotti (Walter Furst), Emanuele Cordaro (Melcthal), Anna Maria Sarra (Jemmy), Luca Tittoto (Gesler), Enkelejda Shkoza (Hedwige), Matteo Mezzaro (Rodolphe), Enea Scala (Ruodi) che ieri ha sostituito Pietro Adaini indisposto, Paolo Orecchia (Leuthold) e Cosimo Diano (Un chausseur).

L’allestimento, che debuttava in Italia dopo essere stato messo in scena per la prima volta dalla Royal Opera House Covent Garden di Londra nel 2015, è stato molto apprezzato dal pubblico, così come grandi applausi hanno ottenuto tutti i solisti, il direttore musicale del Teatro Massimo Gabriele Ferro che ha saldamente condotto l’Orchestra del Teatro per le oltre quattro ore dello spettacolo, e il Coro diretto da Piero Monti.

Applausi a scena aperta in particolare per i tre protagonisti, il baritono Roberto Frontali (ruolo del titolo), il soprano Nino Machaidze (Mathilde) e il tenore Dmitry Korchak (Arnold).

Il sindaco Leoluca Orlando apprezza l’inaugurazione con «un’opera straordinariamente bella, con un allestimento spettacolare. Il 2018 è l’anno in cui si metteranno alla prova le eccellenze di Palermo, certamente il Massimo è un’eccellenza vera e uscirà più forte da quest’anno in cui Palermo è Capitale della Cultura». Il sovrintendente Francesco Giambrone esprime «grande soddisfazione per uno spettacolo che ha richiesto un forte impegno da parte di tutti i lavoratori della Fondazione, con un risultato eccezionale dal punto di vista artistico e dell’allestimento scenico».

Tra il pubblico presente in sala, oltre al sindaco Leoluca Orlando, anche il ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti, il prefetto Antonella De Miro, il presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno.

Le recite proseguono fino al 31 gennaio, nel secondo cast, che debutterà il 27 gennaio, canteranno Davide Damiani (Guillaume Tell), Enea Scala (Arnold) e Salome Jicia (Mathilde). Per il prolungarsi dell’indisposizione di Pietro Adaini, anche nella recita del 25 gennaio il ruolo di Ruodi sarà sostenuto da Enea Scala.

Articoli correlati

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Leggi articolo precedente:
Al Piccolo Regio Puccini, per il Giorno della Memoria, la commovente favola di Guareschi.

La favola di Natale di Guareschi nel nuovo allestimento diretto da Claudio Fenoglio per il Giorno della Memoria, al Piccolo Regio...

Chiudi